Le regole del buon revisore

Spesso capita che i traduttori facciano dei lavori di revisione, un’attività che si distingue dalla redazione per il fatto che è fatta confrontando la lingua di partenza e quella d’arrivo, mentre la redazione, che ovviamente viene fatta dopo, viene fatta tenendo in considerazione solo le norme della lingua d’arrivo.

Brian Mossop, in Revising and editing for translators (St Jerome Publishing, 2001), ha stilato una lista di “regole” a cui un buon revisore si dovrebbe attenere.

  1. Se ci sono molti errori, forse il testo è da ritradurre.
  2. Se non ci capisce cosa sta dicendo la traduzione senza rileggere o senza consultare l’originale, è il caso di apportare delle correzioni.
  3. Chiedersi non tanto se una frase “possa”, ma se “debba” essere migliorata. I cambiamenti vanno effettuati a seconda del fruitore della traduzione.
  4. Fare piccoli cambiamenti invece di riscrivere.
  5. Ridurre al minimo l’introduzione di errori se rimangono dubbi sui cambiamenti da apportare.
  6. Ottimizzare il tempo di revisione con una lettura monolingua, a meno che la probabilità di errori di traduzione sia tale da giustificare un lavoro con testo a fronte.
  7. Nel fare una correzione linguistica o un miglioramento stilistico, accertarsi di non aver introdotto un errore di traduzione.
  8. Se introducete un cambiamento controllate che il testo non richieda poi altre modifiche nelle frasi vicine (creazione di cacofonie, ripetizioni).
  9. Attenzione ai macroerrori (non “fissarsi” sul lavoro di pulizia dei singoli errori, sentire se la traduzione “funziona” complessivamente per quanto riguarda tono, stile, ritmo).
  10. Nel controllare la forma, attenzione a non farsi sfuggire errori di significato, controsensi, contraddizioni e viceversa.
  11. Controllare i numeri oltre che le parole.
  12. Sfruttare al massimo la capacità di vedere il testo come il lettore lo vede per la prima volta.
  13. Raggiungere un equilibrio tra accuratezza e grado di leggibilità.
  14. In ultima analisi, dare la precedenza alle necessità del lettore piuttosto che a quelle del committente.
  15. Attenzione ai refusi nella prima pagina.
  16. Fare sempre cambiamenti giustificabili.
  17. Non imporre agli altri il proprio approccio alla traduzione.
  18. Non imporre agli altri le proprie idiosincrasie linguistiche.
  19. Committente e lettore devono beneficiare al massimo della traduzione, verificare che ogni modifica scritta a mano sia stata inserita su file prima di inviare il lavoro di revisione finito.
  20. Se non riesce a risolvere un problema è bene segnalarlo al committente.

About Ilaria

I'm an English and French to Italian translator, and I've been a blogger since 2009.
This entry was posted in Post in italiano. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s